FAR – l’indagine danzata di Wayne McGregor
1 luglio 2016 – 09:00 | Nessun commento

“Se questa sua composizione ti pare di maraviglioso artifizio, pensa questa essere nulla rispetto all’anima che in tale architettura abita e, veramente, quale essa si sia, ella è cosa divina sicché lasciala abitare nella sua opera a suo beneplacito” – sosteneva Leonardo Da Vinci, che alla ricerca dell’anima scandagliò ben più di un corpo, e ne sezionò gli organi per scovarvi uno spirito o un’entità, una materia indefinita che desse ragione all’uomo della propria sofferta diversità. L’esplorazione del corpo alla ricerca dell’anima, la… Read more

Leggi l'articolo completo »
Società

immersione esistenziale del tessuto del sociale

Politica

Dagli alti ideali ai bui sottoscala del Parlamento. Spaccato sulla sfera Politica di una Italia in declino

Scuola e Università

Vita tra le mura d’Ateneo: l’orizzonte universitario

Cultura

Arte, Musica, Letteratura. Dalle Humanae Litterae, il pane dell’Anima

Informazione

Dalla televisione alla carta stampata. Le mille sfumature del giornalismo.

esteri »

Brexit: scenari del referendum inglese
28 giugno 2016 – 09:00 | Nessun commento

brexit referendumE’ ufficiale: la Gran Bretagna, dopo il referendum del 23 Giugno, è fuori dall’Unione Europea. E’ stato scritto un pezzo di storia importantissimo. Da anni all’interno della Gran Bretagna (e non solo) si discuteva sulla permanenza o meno nell’UE, e finalmente il popolo inglese ha preso una decisione. Una decisione presa sul filo di lana, grazie al 51,9% dei votanti; una scelta fatta in larga parte dagli Over 65, i quali hanno votato in massa per il Brexit, mentre gli Under 25 hanno fatto la scelta opposta, votando quasi totalmente per la permanenza in Europa.

Ma dobbiamo avere il coraggio di dirlo: bravi! Che bravi questi inglese. Finalmente qualcuno che si ricorda dell’antico spirito nazionalista; finalmente qualcuno che si ricorda di come i mercati nazionali fossero fiorenti e liberi prima dell’UE; finalmente qualcuno che si ricorda come le frontiere nazionali riuscissero, prima dello scellerato trattato di Schengen, ad arginare terrorismo e crisi sociali. Bisognerebbe vivere in paesi simili, e dovremmo impegnarci tutti quanti affinché si realizzi lo stesso referendum anche in Italia, come ha già prontamente annunciato Salvini.

Però, permettetemi di dirvelo, secondo me quest’uscita è un po’ una vittoria a metà. Io credo si debba andare oltre il Brexit.

Parliamo del nostro bel paese. Bisogna uscire dall’Europa, questo è certo. Vi ricordate come si viveva bene prima dell’euro? Ricordate la potenza italiana in campo economico e militare nei secoli scorsi? Come? Non ve la ricordate? Beh nemmeno io a dirla tutta, però qualcuno dice che era così, e quindi dobbiamo fidarci. Dunque, dicevamo, uscire dall’Unione Europea è il primo passo. Bene!

Però … C’è sempre un però. Ad esempio, c’è il però legato alle varie realtà nostrane. Per carità, l’Italia è un bel paese, però non è che io, da romano, vada d’accordo proprio con tutti. A me quelli del nord, con la loro saccenteria e le loro vocali aperte, mica fanno impazzire. E poi, a dirla tutta, neanche quelli del sud mi stanno troppo simpatici. Sono caciaroni, urlano sempre, e si trasferiscono in massa nella mia bella città. Dunque, sai cosa vi dico? Voglio uscire anche dall’Italia. Formeremo la Repubblica Romana. Ah, che bellezza! Quella si che mi renderebbe felice. Dunque faremo un bel referendum per far si che i romani abbiano nuovamente il potere decisionale. Bene!

Però … C’è un altro però. Uno, ad esempio, è legato a Roma nel suo complesso. Per carità, io amo la mia città. Quanta storia, quanta cultura, quanti monumenti. Ma i romani mica son tutti uguali. Io, personalmente abito a Roma sud. Vuoi mettere con Roma nord? I pariolini, quelli di Collina Fleming, quelli di Ponte Milvio, con i loro vestiti sciccosi e la puzza sotto il naso. No, non scherziamo, noi non abbiamo nulla a cui spartire con quella gente. Sai cosa facciamo? Un bel referendum. Ma si, uno di quelli importanti, stile Brexit, nel quale chiediamo l’indipendenza da Roma nord. E formiamo la Repubblica di Roma Sud. Bene!

Però … questo non è tutto. Ad esempio, c’è il però riguardante quelli di Roma sud. Perché mica siamo tutti uguali. Io con i coatti di Garbatella o i ricconi dell’Appia Antica, mica voglio avere nulla a che spartire. La soluzione è semplice: referendum. Ci distacchiamo e formiamo la Repubblica Del Condomio Di Casa Mia. Suona anche bene!

Però… C’è l’ennesimo però. Posso essere davvero soddisfatto? Io con i miei vicini litigo spesso, lo devo ammettere. Mica si può andare d’accordo con tutti. Quello del piano di sopra continua ad annaffiare le piante facendo cadere l’acqua sui miei panni stesi, e quello del primo piano continua a parcheggiare la macchina occupando due posti invece che uno. Mica riesco a vivere così felicemente con tutta questa gente nella mia Repubblica. Quindi, sai che si fa? Referendum. Voglio formare la Repubblica Di Casa Mia.

Quel che dobbiamo capire ora è: è davvero questa la soluzione? La crisi sociale ed economica che pervade l’Europa da molti anni, è risolvibile col ritorno alle realtà prettamente nazionali? Il Brexit aiuterà la Gran Bretagna ad essere nuovamente una potenza mondiale autonoma? Difficile dirlo. Per ora, sappiamo solamente che Irlanda del Nord e Scozia hanno chiesto di indire un nuovo referendum per staccarsi da Londra. Un po’ come la favoletta raccontata qui sopra.

Molti hanno etichettato il voto britannico come un voto contro l’UE e contro la crisi attuale. In realtà, chi ha valutato in questo modo il referendum, ha capito ben poco. A tutti noi piacerebbe pensare che il coscienzioso popolo referendario abbia voluto lanciare un messaggio a tutti gli europei: “Sveglia”. Ma le cose non stanno così, per molti motivi. In primis perché l’Inghilterra non ha mai vissuto la crisi così come è stata vissuta nel resto d’Europa, in particolar modo nel sud e nei così detti paesi PIIGS; non è stato un voto contro l’usurpazione di sovranità, visto che l’Inghilterra non aderisce a moltissimi trattati europei; non è stato un voto di protesta contro la moneta unica, visto che la sterlina è viva e vegeta e di Euro non se ne è mai parlato in Gran Bretagna.

Il voto britannico, è stato principalmente un voto di pancia. Un voto che, per giunta, è stato capito da ben poche persone, visto che oggi alcune regione britanniche chiedono ancora i soldi all’UE. L’Europa ha commesso tantissimi errori. Quell’idea di Europa idealizzata dai padri fondatori, Altiero Spinelli su tutti, è lontana anni luce dall’Europa che siamo costretti a vivere ogni giorno. Un’Europa in mano a banchieri ed industriali; un’Europa che lascerebbe volentieri morire i propri cittadini, piuttosto che dargli una mano; un’Europa che preferisce pronunciare diktat, piuttosto che unirsi ed aiutarsi a vicenda; un’Europa che spara ai gommoni di uomini, donne e bambini che fuggono da fame e violenza. Quest’Europa non piace a nessuno di noi.

Ma allo stesso tempo, quest’Europa la si può “combattere” solamente dall’interno. Si può modificare il suo apparato istituzionale e politico, solamente restando ai propri posti e combattendone i poteri forti. Si può tornare a sognare un’Europa vera, solamente trasformandola in un’Europa dei popoli, e non di chi detiene il potere economico.

Oggi la Gran Bretagna ha deciso di gettare la spugna. Speriamo che nessuno di noialtri faccia lo stesso.


Forse potrebbe interessarti:

Il cuore e la mente in immagini: nel mondo di Daniel Askill
24 giugno 2016 – 08:30 | Nessun commento
Il cuore e la mente in immagini: nel mondo di Daniel Askill

Nel 2003, un giovane filmmaker presenta un cortometraggio dal titolo We have decided not to die, opera accolta calorosamente in tutto il mondo, premiato al Clermont-Ferrand Festival in Francia, al Melbourne International, al Brooklyn International e al South by Southwest negli Stati Uniti. Un lavoro della durata di poco meno di 10 minuti suddiviso il tre capitoli: Birth, Between e Rebirth, e che percorre un viaggio visionario, osservando la vita attraverso l’emozione sensoriale del corpo e della mente. Daniel Askill, con questo piccolo… Read more

E quindi uscimmo a (ri)veder le stelle
21 giugno 2016 – 08:36 | Nessun commento
E quindi uscimmo a (ri)veder le stelle

Alla fine, è accaduto quello che si pensava non sarebbe potuto avverarsi mai: la capitale è finita in mano ai 5 Stelle. E non si tratta di una vittoria di misura, ma di un vero e proprio successo schiacciante. Virginia Raggi, candidata 5 Stelle, ha infatti superato Roberto Giachetti, candidato PD, di ben oltre 35 punti percentuali. Con il 67,15% delle preferenze, la Raggi è diventata la prima sindaca della storia capitolina. A sottolineare la netta vittoria dei 5 Stelle, ci sono i risultati dei municipi: tranne i municipi I e II, tutti gli… Read more

Referendum trivelle: la Democrazia ammalata
21 aprile 2016 – 08:55 | Nessun commento
Referendum trivelle: la Democrazia ammalata

È giunta alla fine l’avventura di questo referendum abrogativo sul quale si sono sprecati tanti slogan, ma pochissima informazione. A vincere è l’astensione: in questo caso, un modo come un altro per dire che vincono i No, ma non solo. È solamente il 30% degli italiani a recarsi alle urne nella giornata di domenica 17 aprile. Gli altri? In altre faccende affaccendati. Si potrebbe affermare che, banalmente, chi avrebbe voluto votare No, ha scelto la strategia dell’astensione: è dunque da qui che deriva una così bassa affluenza alle… Read more

Nel Blu dipinto di grigio: la strage dei graffiti a Bologna
18 aprile 2016 – 09:05 | Nessun commento
Nel Blu dipinto di grigio: la strage dei graffiti a Bologna

Il 18 marzo è stata inaugurata a Bologna la mostra Street Art. Banksy & Co. Sottotitolo: “l’arte allo stato urbano”. Un’occasione – come è stata definita – per “avviare una riflessione sulle modalità della salvaguardia, conservazione e musealizzazione di queste esperienze urbane”.Un’occasione – come si è dimostrata – di riflessione e di polemica riguardo a una delle forme di arte che più specificamente appartengono agli ultimi decenni. Il nocciolo della questione è semplice: che i graffiti trovino il loro posto in luoghi scomodi,… Read more

Caso Regeni: come vincere il braccio di ferro con l’Egitto secondo la diplomazia
11 aprile 2016 – 08:55 | Nessun commento
Caso Regeni: come vincere il braccio di ferro con l’Egitto secondo la diplomazia

È del cinque aprile, alla vigilia dell’atteso vertice a Roma tra inquirenti egiziani e italiani, il discorso tenuto in Parlamento dal Ministro degli Esteri Paolo Gentiloni. Un discorso che pare rinnovare la forte volontà, da parte italiana, di trovare la verità nascosta dietro i depistaggi egiziani sul caso Regeni. «L’Italia,» ha dichiarato «è pronta ad assumere misure immediate, se non ci sarà un cambio di marcia.» Già, perché ad oggi, la millantata collaborazione che Al Sisi non smette di decantare in ogni dichiarazione… Read more

Truth: Mary Mapes, la voce del giornalismo al cinema
8 aprile 2016 – 10:01 | Nessun commento
Truth: Mary Mapes, la voce del giornalismo al cinema

L’8 settembre 2004, quasi due mesi prima dalle elezioni presidenziali americane, il celebre programma televisivo statunitense 60 Minutes, trasmesso dalla CBS, mostrava in diretta quattro dei sei documenti testimoni del coinvolgimento dell’allora Presidente in carica George W. Bush nell’Air National Guard durante il 1972-73. I Killian, così soprannominati i documenti in causa, raccoglievano severe critiche da parte del tenente colonnello Jerry B. Killian nei confronti del comportamento del Presidente Bush all’interno dell’Air Guard durante… Read more

Belli senz’alcool: un bar contro le dipendenze
6 aprile 2016 – 20:35 | Nessun commento
Belli senz’alcool: un bar contro le dipendenze

Andare al bar per uscire dal circolo vizioso dell’alcolismo; sembra un paradosso, eppure una piccola realtà nella città inglese di Nottingham è riuscita a coniugare con successo questi due concetti contrapposti. Si tratta del Sobar Cafè (gioco di parole tra sober, “sobrio”, e “bar”), un colorato locale nel centro città, nato dall’iniziativa dell’organizzazione benefica Double Impact che, ormai da decenni, si occupa dei servizi di riabilitazione per alcolisti e tossicodipendenti nel Nottinghamshire. Questi comprendono… Read more

Trivelle sì, Trivelle no: il referendum abrogativo del 17 aprile
4 aprile 2016 – 11:56 | Nessun commento
Trivelle sì, Trivelle no: il referendum abrogativo del 17 aprile

Il referendum sulle trivelle è alle porte. Tra meno di un mese gli italiani potranno decidere di andare a votare per abrogare parte di una legge che rinnova alcune delle concessioni per l’estrazione di gas e petrolio entro le 12 miglia marittime, fino all’esaurimento dei giacimenti. Ma facciamo un passo indietro. Prima di spiegare nel dettaglio il quesito referendario, vorrei soffermarmi per alcune precisazioni sull’istituto del referendum. Innanzi tutto il referendum del 17 aprile è abrogativo, come previsto dall’articolo 75 della… Read more

Europa e migranti: politiche a confronto
30 marzo 2016 – 20:28 | Nessun commento
Europa e migranti: politiche a confronto

“Un giorno guarderemo con rammarico a questa opportunità mancata di agire con solidarietà e comune umanità.” Filippo Grandi Il tentativo di queste righe sarà quello di spiegare, in modo chiaro e coinciso, quale sia la politica Europea sulla questione dell’immigrazione; dimostrando quanto questo sia un banco di prova dove l’Europa sta fallendo e dando prova della sua grande fragilità endemica, dato che ogni paese ha reagito con una propria legislazione, nella più completa assenza di coordinamento e di una politica comune. Questo… Read more

Tesoro, mi si è ristretto il quotidiano: i velocisti della lettura
24 marzo 2016 – 11:48 | Nessun commento
Tesoro, mi si è ristretto il quotidiano: i velocisti della lettura

Ha solo poche settimane di vita, il nuovo quotidiano proposto dalla casa editrice britannica Trinity Mirrors, la stessa del rotocalco nazionale Daily Mirror. Già il nome della testata promette una ventata di aria fresca, di novità, idealmente da leggersi con un bel bicchiere di spremuta fresca, per pareggiare cromaticamente il turchese acceso in prima pagina: questo è il New Day. Cosa rende tanto speciale questa neonata tiratura? Sicuramente il prezzo di lancio competitivo (appena 20 pence), che lo rende attraente agli occhi di chi non… Read more

In 350mila in piazza per ricordare le vittime di mafia
22 marzo 2016 – 11:45 | Nessun commento
In 350mila in piazza per ricordare le vittime di mafia

L’arrivo della primavera è per molti un simbolo di rinascita. Si esce dal letargo invernale e si sboccia, rifiorendo nell’anima e nel corpo. L’aria è fresca e profumata, i colori sono più accesi e lo spirito ne è appagato. Non è un caso che, ventuno anni fa, l’associazione Libera Contro le Mafie abbia scelto proprio questa giornata per istituire La Giornata per la Memoria delle Vittime delle Mafie. E’ un simbolo che serve a ricordare l’esigenza di una rinascita, di una fioritura di una società attenta, cosciente e memore…. Read more

The Danish Girl: l’insostenibile evidenza dell’essere
15 marzo 2016 – 11:41 | Nessun commento
The Danish Girl: l’insostenibile evidenza dell’essere

Ultima creazione del regista de Il Discorso del Re e I miserabili, The Danish Girl è arrivato nelle sale italiane il 18 febbraio 2016. Pensato e creato per la grande distribuzione, con il suo carico di nomination, con i suoi attori da Oscar, il film di Tom Hooper non si risparmia nell’indagine delicatissima ed evanescente di un dramma quanto mai scomodo e complesso, quanto mai fisico, quanto mai carnale. La storia è quella di Einar Weger (Eddie Redmayne), paesaggista danese di inizio ‘900, uno dei primi transessuali al mondo ad essersi… Read more

Til it happens to you: la voce delle donne agli Oscar 2016
11 marzo 2016 – 11:14 | Nessun commento
Til it happens to you: la voce delle donne agli Oscar 2016

Domenica 28 Febbraio, al Dolby Theatre di Los Angeles, sono stati celebrati gli 88esimi Academy Awards, comunemente conosciuti come Premi Oscar, il più famoso riconoscimento cinematografico americano. La serata si è conclusa con poche sorprese per quanto riguarda le assegnazioni dell’ambito Premio ( i vincitori più chiacchierati della cerimonia sono stati, senza alcun dubbio il “redidivo” Leonardo Di Caprio e il maestro Ennio Morricone). Secondo il parere generale, questa edizione non verrà ricordata tra le più belle e originali della… Read more

Festa della donna: le zone d’ombra della nostra società
9 marzo 2016 – 18:28 | Nessun commento
Festa della donna: le zone d’ombra della nostra società

L’8 marzo è una di quelle giornate, come San Valentino o il 27 Gennaio, in cui le banalità si sprecano. Il web, ovvero il bar sotto casa versione 2.0, si inonda di ridondanti prese di posizione, solitamente divisibili in due categorie: gli entusiasti e i super cinici. I primi si impegnano sin dalle prime ore del mattino a cercare su Google una citazione di grande ispirazione, la quale diventa, per 24 ore, il loro motto di vita. I secondi sono i teoretici del complotto, i critici del consumismo, i miscredenti del sentimento che scherniscono… Read more