1983. Butterfly, l’indefinibile natura dell’amore
20 luglio 2016 – 08:29 | Nessun commento

In occasione della ventunesima edizione del Festival delle Colline Torinesi, alle Fonderie Teatrali Limone ha fatto il suo debutto 1983. Butterfly, la nuova produzione della Piccola Compagnia della Magnolia che aggiunge un secondo lavoro al progetto teatrale Bio_Grafie, iniziato l’anno passato con lo spettacolo Zelda – Vita e Morte di Zelda Fitzgerald. Una storia di amore, spionaggio e identità, quella raccontata in 1983. Butterfly, che ripercorre la vicenda realmente accaduta di Bernard Boursicot, diplomatico francese che si ritrovò… Read more

Leggi l'articolo completo »
Società

immersione esistenziale del tessuto del sociale

Politica

Dagli alti ideali ai bui sottoscala del Parlamento. Spaccato sulla sfera Politica di una Italia in declino

Scuola e Università

Vita tra le mura d’Ateneo: l’orizzonte universitario

Cultura

Arte, Musica, Letteratura. Dalle Humanae Litterae, il pane dell’Anima

Informazione

Dalla televisione alla carta stampata. Le mille sfumature del giornalismo.

Cultura »

FAR – l’indagine danzata di Wayne McGregor
1 luglio 2016 – 09:00 | Nessun commento

Dance-thumb“Se questa sua [dell’uomo] composizione ti pare di maraviglioso artifizio, pensa questa essere nulla rispetto all’anima che in tale architettura abita e, veramente, quale essa si sia, ella è cosa divina sicché lasciala abitare nella sua opera a suo beneplacito” – sosteneva Leonardo Da Vinci, che alla ricerca dell’anima scandagliò ben più di un corpo, e ne sezionò gli organi per scovarvi uno spirito o un’entità, una materia indefinita che desse ragione all’uomo della propria sofferta diversità.
L’esplorazione del corpo alla ricerca dell’anima, la ricerca di un legame fra materia e spirito, di una spiegazione alla complessità insita nella vita umana è da sempre al centro della riflessione di scienziati e filosofi, un interrogativo tanto più necessario e impellente quanto più avanza l‘Età luminosa della Ragione, in cui il corpo smette di essere un involucro vuoto, in cui Dio smette di essere una risposta sicura.
Nel suo Flesh and the Age of Reason ( in italiano L’uomo e l’età della ragione), Roy Porter traccia con una prosa viva e coincisa il percorso del pensiero europeo nel XVIII secolo, fra le sconvolgenti scoperte in campo medico e le domande sul meccanismo del pensiero e delle emozioni. Ma se un’opera come questa, pur nella sua brillante rielaborazione, rimane ancorata alla dimensione scritta, al pensiero, al ragionamento, dalle sue pagine prende le mosse  una delle opere più geniali e precoci del coreografo londinese Wayne Mcgregor. A soli 22 anni, dopo aver fondato la Random Dance Company, Mcgregor modella per essa lo spettacolo FAR, basandosi proprio sul testo di Porter.
Considerato sostanzialmente un enfant prodige, Mcgregor è internazionalmente conosciuto per una tecnica fisicamente impegnativa e creazioni ardite che spaziano dalla danza alla musica, alla tecnologia, alle arti visive.Le sue coreografie riescono a far convivere, nell’intreccio dei corpi sottili ma necessariamente muscolosi dei ballerini, un ritmo di brevi gesti spezzati e un controcanto continuo e fluido, come incurante della loro rigida struttura anatomica.

FAR è una delle primissime creazioni e si nutre di questa ricerca incrociata. Con le musiche elettroniche di Ben Frost e le architetture luminose di Lucy Carter, lo spettacolo si inoltra in un’indagine che prende il corpo insieme a oggetto e mezzo di studio. Immagine danzata di un’autopsia spirituale, per l’immortalità della sua ricerca rimane un’opera sempre attuale e ancora oggi rappresentata ed esportata in tutto il mondo, Italia compresa, dove recentemente ha calcato il palco del teatro Fraschini di Pavia.

Così Mcgregor non cambia la domanda, tutto sommato non cambia nemmeno la problematica risposta. La sua ricerca sceglie una strada fisica, fisicissima. La tecnica è procedere per destrutturazione e ricomposizione. La danza non lascia scampo, non risparmia combinazione di corpi e di gesti, non elimina dall’orrizzonte del possibile nemmeno il gesto sgraziato, quello più comune.In un alternarsi implacabile di singoli e gruppi e coppie, tutto il danzabile, tutto il vivibile scorre davanti agli occhi dello spettatore, che non può che diventare osservatore, scienziato involontario, indagatore di una vera e propria enciclopedia che si dispiega davanti ai suoi occhi, sullo sfondo scabro dei vestiti ridotti al minimo e del gioco di ombre creato dalla scenografia. Lo spettatore che si trova a uscire da teatro – alla fine dei conti-  senza una vera risposta, senza una vera vera certezza. Rimane, però, la sensazione di aver appena assistito al proprio smembramento, alla propria metodica decostruzione. Così che, se la dialettica fra corpo e anima resta un nodo insoluto, quello che la Wayne McGregor Company sa lasciare è una consapevolezza nuova, un nuovo sentire e sentirsi. Sentirsi nella complessità delle parti e del tutto, della continua interazione fra quei muscoli, quelle vene e l’emozione che nasce spontaneamente dal vedere ballare qualcuno. Sentirsi come un essere che semplicemente, a dispetto di tutta quanta l’erudizione, non può essere riassunto nelle

Forse potrebbe interessarti:

  • No Related Posts
Brexit: scenari del referendum inglese
28 giugno 2016 – 09:00 | Nessun commento
Brexit: scenari del referendum inglese

E’ ufficiale: la Gran Bretagna, dopo il referendum del 23 Giugno, è fuori dall’Unione Europea. E’ stato scritto un pezzo di storia importantissimo. Da anni all’interno della Gran Bretagna (e non solo) si discuteva sulla permanenza o meno nell’UE, e finalmente il popolo inglese ha preso una decisione. Una decisione presa sul filo di lana, grazie al 51,9% dei votanti; una scelta fatta in larga parte dagli Over 65, i quali hanno votato in massa per il Brexit, mentre gli Under 25 hanno fatto la scelta opposta, votando quasi totalmente… Read more

Il cuore e la mente in immagini: nel mondo di Daniel Askill
24 giugno 2016 – 08:30 | Nessun commento
Il cuore e la mente in immagini: nel mondo di Daniel Askill

Nel 2003, un giovane filmmaker presenta un cortometraggio dal titolo We have decided not to die, opera accolta calorosamente in tutto il mondo, premiato al Clermont-Ferrand Festival in Francia, al Melbourne International, al Brooklyn International e al South by Southwest negli Stati Uniti. Un lavoro della durata di poco meno di 10 minuti suddiviso il tre capitoli: Birth, Between e Rebirth, e che percorre un viaggio visionario, osservando la vita attraverso l’emozione sensoriale del corpo e della mente. Daniel Askill, con questo piccolo… Read more

E quindi uscimmo a (ri)veder le stelle
21 giugno 2016 – 08:36 | Nessun commento
E quindi uscimmo a (ri)veder le stelle

Alla fine, è accaduto quello che si pensava non sarebbe potuto avverarsi mai: la capitale è finita in mano ai 5 Stelle. E non si tratta di una vittoria di misura, ma di un vero e proprio successo schiacciante. Virginia Raggi, candidata 5 Stelle, ha infatti superato Roberto Giachetti, candidato PD, di ben oltre 35 punti percentuali. Con il 67,15% delle preferenze, la Raggi è diventata la prima sindaca della storia capitolina. A sottolineare la netta vittoria dei 5 Stelle, ci sono i risultati dei municipi: tranne i municipi I e II, tutti gli… Read more

Referendum trivelle: la Democrazia ammalata
21 aprile 2016 – 08:55 | Nessun commento
Referendum trivelle: la Democrazia ammalata

È giunta alla fine l’avventura di questo referendum abrogativo sul quale si sono sprecati tanti slogan, ma pochissima informazione. A vincere è l’astensione: in questo caso, un modo come un altro per dire che vincono i No, ma non solo. È solamente il 30% degli italiani a recarsi alle urne nella giornata di domenica 17 aprile. Gli altri? In altre faccende affaccendati. Si potrebbe affermare che, banalmente, chi avrebbe voluto votare No, ha scelto la strategia dell’astensione: è dunque da qui che deriva una così bassa affluenza alle… Read more

Nel Blu dipinto di grigio: la strage dei graffiti a Bologna
18 aprile 2016 – 09:05 | Nessun commento
Nel Blu dipinto di grigio: la strage dei graffiti a Bologna

Il 18 marzo è stata inaugurata a Bologna la mostra Street Art. Banksy & Co. Sottotitolo: “l’arte allo stato urbano”. Un’occasione – come è stata definita – per “avviare una riflessione sulle modalità della salvaguardia, conservazione e musealizzazione di queste esperienze urbane”.Un’occasione – come si è dimostrata – di riflessione e di polemica riguardo a una delle forme di arte che più specificamente appartengono agli ultimi decenni. Il nocciolo della questione è semplice: che i graffiti trovino il loro posto in luoghi scomodi,… Read more

Caso Regeni: come vincere il braccio di ferro con l’Egitto secondo la diplomazia
11 aprile 2016 – 08:55 | Nessun commento
Caso Regeni: come vincere il braccio di ferro con l’Egitto secondo la diplomazia

È del cinque aprile, alla vigilia dell’atteso vertice a Roma tra inquirenti egiziani e italiani, il discorso tenuto in Parlamento dal Ministro degli Esteri Paolo Gentiloni. Un discorso che pare rinnovare la forte volontà, da parte italiana, di trovare la verità nascosta dietro i depistaggi egiziani sul caso Regeni. «L’Italia,» ha dichiarato «è pronta ad assumere misure immediate, se non ci sarà un cambio di marcia.» Già, perché ad oggi, la millantata collaborazione che Al Sisi non smette di decantare in ogni dichiarazione… Read more

Truth: Mary Mapes, la voce del giornalismo al cinema
8 aprile 2016 – 10:01 | Nessun commento
Truth: Mary Mapes, la voce del giornalismo al cinema

L’8 settembre 2004, quasi due mesi prima dalle elezioni presidenziali americane, il celebre programma televisivo statunitense 60 Minutes, trasmesso dalla CBS, mostrava in diretta quattro dei sei documenti testimoni del coinvolgimento dell’allora Presidente in carica George W. Bush nell’Air National Guard durante il 1972-73. I Killian, così soprannominati i documenti in causa, raccoglievano severe critiche da parte del tenente colonnello Jerry B. Killian nei confronti del comportamento del Presidente Bush all’interno dell’Air Guard durante… Read more

Belli senz’alcool: un bar contro le dipendenze
6 aprile 2016 – 20:35 | Nessun commento
Belli senz’alcool: un bar contro le dipendenze

Andare al bar per uscire dal circolo vizioso dell’alcolismo; sembra un paradosso, eppure una piccola realtà nella città inglese di Nottingham è riuscita a coniugare con successo questi due concetti contrapposti. Si tratta del Sobar Cafè (gioco di parole tra sober, “sobrio”, e “bar”), un colorato locale nel centro città, nato dall’iniziativa dell’organizzazione benefica Double Impact che, ormai da decenni, si occupa dei servizi di riabilitazione per alcolisti e tossicodipendenti nel Nottinghamshire. Questi comprendono… Read more

Trivelle sì, Trivelle no: il referendum abrogativo del 17 aprile
4 aprile 2016 – 11:56 | Nessun commento
Trivelle sì, Trivelle no: il referendum abrogativo del 17 aprile

Il referendum sulle trivelle è alle porte. Tra meno di un mese gli italiani potranno decidere di andare a votare per abrogare parte di una legge che rinnova alcune delle concessioni per l’estrazione di gas e petrolio entro le 12 miglia marittime, fino all’esaurimento dei giacimenti. Ma facciamo un passo indietro. Prima di spiegare nel dettaglio il quesito referendario, vorrei soffermarmi per alcune precisazioni sull’istituto del referendum. Innanzi tutto il referendum del 17 aprile è abrogativo, come previsto dall’articolo 75 della… Read more

Europa e migranti: politiche a confronto
30 marzo 2016 – 20:28 | Nessun commento
Europa e migranti: politiche a confronto

“Un giorno guarderemo con rammarico a questa opportunità mancata di agire con solidarietà e comune umanità.” Filippo Grandi Il tentativo di queste righe sarà quello di spiegare, in modo chiaro e coinciso, quale sia la politica Europea sulla questione dell’immigrazione; dimostrando quanto questo sia un banco di prova dove l’Europa sta fallendo e dando prova della sua grande fragilità endemica, dato che ogni paese ha reagito con una propria legislazione, nella più completa assenza di coordinamento e di una politica comune. Questo… Read more

Tesoro, mi si è ristretto il quotidiano: i velocisti della lettura
24 marzo 2016 – 11:48 | Nessun commento
Tesoro, mi si è ristretto il quotidiano: i velocisti della lettura

Ha solo poche settimane di vita, il nuovo quotidiano proposto dalla casa editrice britannica Trinity Mirrors, la stessa del rotocalco nazionale Daily Mirror. Già il nome della testata promette una ventata di aria fresca, di novità, idealmente da leggersi con un bel bicchiere di spremuta fresca, per pareggiare cromaticamente il turchese acceso in prima pagina: questo è il New Day. Cosa rende tanto speciale questa neonata tiratura? Sicuramente il prezzo di lancio competitivo (appena 20 pence), che lo rende attraente agli occhi di chi non… Read more

In 350mila in piazza per ricordare le vittime di mafia
22 marzo 2016 – 11:45 | Nessun commento
In 350mila in piazza per ricordare le vittime di mafia

L’arrivo della primavera è per molti un simbolo di rinascita. Si esce dal letargo invernale e si sboccia, rifiorendo nell’anima e nel corpo. L’aria è fresca e profumata, i colori sono più accesi e lo spirito ne è appagato. Non è un caso che, ventuno anni fa, l’associazione Libera Contro le Mafie abbia scelto proprio questa giornata per istituire La Giornata per la Memoria delle Vittime delle Mafie. E’ un simbolo che serve a ricordare l’esigenza di una rinascita, di una fioritura di una società attenta, cosciente e memore…. Read more

The Danish Girl: l’insostenibile evidenza dell’essere
15 marzo 2016 – 11:41 | Nessun commento
The Danish Girl: l’insostenibile evidenza dell’essere

Ultima creazione del regista de Il Discorso del Re e I miserabili, The Danish Girl è arrivato nelle sale italiane il 18 febbraio 2016. Pensato e creato per la grande distribuzione, con il suo carico di nomination, con i suoi attori da Oscar, il film di Tom Hooper non si risparmia nell’indagine delicatissima ed evanescente di un dramma quanto mai scomodo e complesso, quanto mai fisico, quanto mai carnale. La storia è quella di Einar Weger (Eddie Redmayne), paesaggista danese di inizio ‘900, uno dei primi transessuali al mondo ad essersi… Read more

Til it happens to you: la voce delle donne agli Oscar 2016
11 marzo 2016 – 11:14 | Nessun commento
Til it happens to you: la voce delle donne agli Oscar 2016

Domenica 28 Febbraio, al Dolby Theatre di Los Angeles, sono stati celebrati gli 88esimi Academy Awards, comunemente conosciuti come Premi Oscar, il più famoso riconoscimento cinematografico americano. La serata si è conclusa con poche sorprese per quanto riguarda le assegnazioni dell’ambito Premio ( i vincitori più chiacchierati della cerimonia sono stati, senza alcun dubbio il “redidivo” Leonardo Di Caprio e il maestro Ennio Morricone). Secondo il parere generale, questa edizione non verrà ricordata tra le più belle e originali della… Read more