Referendum trivelle: la Democrazia ammalata
21 aprile 2016 – 08:55 | Nessun commento

È giunta alla fine l’avventura di questo referendum abrogativo sul quale si sono sprecati tanti slogan, ma pochissima informazione. A vincere è l’astensione: in questo caso, un modo come un altro per dire che vincono i No, ma non solo. È solamente il 30% degli italiani a recarsi alle urne nella giornata di domenica 17 aprile. Gli altri? In altre faccende affaccendati. Si potrebbe affermare che, banalmente, chi avrebbe voluto votare No, ha scelto la strategia dell’astensione: è dunque da qui che deriva una così bassa affluenza alle… Read more

Leggi l'articolo completo »
Società

immersione esistenziale del tessuto del sociale

Politica

Dagli alti ideali ai bui sottoscala del Parlamento. Spaccato sulla sfera Politica di una Italia in declino

Scuola e Università

Vita tra le mura d’Ateneo: l’orizzonte universitario

Cultura

Arte, Musica, Letteratura. Dalle Humanae Litterae, il pane dell’Anima

Informazione

Dalla televisione alla carta stampata. Le mille sfumature del giornalismo.

arte »

Nel Blu dipinto di grigio: la strage dei graffiti a Bologna
18 aprile 2016 – 09:05 | Nessun commento

blu-bolognaIl 18 marzo è stata inaugurata a Bologna la mostra Street Art. Banksy & Co. Sottotitolo: “l’arte allo stato urbano”. Un’occasione – come è stata definita – per “avviare una riflessione sulle modalità della salvaguardia, conservazione e musealizzazione di queste esperienze urbane”.Un’occasione – come si è dimostrata – di riflessione e di polemica riguardo a una delle forme di arte che più specificamente appartengono agli ultimi decenni. Il nocciolo della questione è semplice: che i graffiti trovino il loro posto in luoghi scomodi, poco curati, sui muri che si scrostano o sugli edifici a rischio di demolizione è noto, e anzi, sta alle radici della loro esistenza. Altrettanto chiaro è che un’esposizione così immediata sulla strada non può che abbandonare ad un pericolo costante opere d’arte conosciute e apprezzate ormai a livello internazionale. E lo scopo dichiarato della mostra è proprio quello di salvaguardarne esempi fra i più celebri, riproducendoli all’interno dello spazio espositivo o addirittura arrivando a trasportarli fisicamente nel museo insieme a parte del supporto originario.

L’operazione, già di per se discutibile, si riveste così della patina dorata della conservazione e della tutela, ponendosi sotto l’ala protettrice di coloro che, normalmente, si schierano contro la natura illegale del graffitismo. La risposta dei diretti interessati non si è fatta attendere: il più celebre e sfuggente del gruppo, Blu, che proprio a Bologna aveva cominciato la sua carriera, ha ricoperto di pittura grigia le proprie opere. L’atto estremo è stato accolto dalle proteste di buona parte della cittadinanza, che ha organizzato anche petizioni per salvare quello che si riteneva un dono alla città, un atto di protesta e di bellezza che nemmeno il suo creatore aveva il diritto di abolire.
Perché non si parla, in questo caso, di opere rifiutate, rinnegate dall’artista. Non si parla dei Bacon distrutti dal pittore che non ci si rispecchiava più. Non si parla di errori, non si parla di aborti. Blu le sue opere le aveva compiute e firmate già da anni. Da anni erano punti di riferimento, parte integrante delle mura e del patrimonio artistico culturale della città. Ed è giusto che la città si senta derubata, spogliata. Ma proprio perché i graffiti perduti di Blu non avevano nessun motivo intrinseco per cui essere cancellati, e anzi costituivano i primi passi di una fortunatissima carriera, vale la pena di interrogarsi più a fondo sul significato di un atto doloroso e spietato come quello compiuto dall’artista a inizio marzo scorso. Il graffito, per definizione, nasce come opera di strada, è scrittura esposta, è protesta forse ancora prima che arte. Il contenuto, l’atto (illegale) e il luogo di nascita ne costituiscono sostanzialmente il significato, il valore e la bellezza.

Il graffito nasce per opposizione al compromesso, è un grido fissato sui muri dove tutti quanti possono vederlo, dove tutti quanti possono condividerlo e ripeterlo. E il patto è sopravvivere così, o morire. Il rischio è accettato, è voluto, è parte imprescindibile del gioco.
In un’Italia in cui la conservazione o è imbarazzantemente zoppicante o è talmente spasmodica da rendere quasi inaccessibile quello che dovrebbe essere patrimonio di tutti, in un’Italia stipata di arte chiusa, distante e incomprensibile ai più, i graffiti sono una delle rarissime forme di resistenza, uno dei pochi esempi di arte viva, presente, vicina.

Questo ha detto Blu, con la sua disperatissima presa di posizione. Che la musealizzazione – spesso senza il consenso degli autori – non è una via praticabile. Che non è possibile, non è giusto ricondurre agli schemi dell’accumulo e della monetizzazione un’arte che nasce in esplicita opposizione alla cultura organizzata e ufficiale. Che un graffito divelto e ben protetto non ha ragione di esistere, è peggio che morto, è sterile, imbalsmato. Con un linguaggio gelido, durissimo, Blu ha detto che l’arte di strada rimane in strada. E basta.

Forse potrebbe interessarti:

  • No Related Posts
Caso Regeni: come vincere il braccio di ferro con l’Egitto secondo la diplomazia
11 aprile 2016 – 08:55 | Nessun commento
Caso Regeni: come vincere il braccio di ferro con l’Egitto secondo la diplomazia

È del cinque aprile, alla vigilia dell’atteso vertice a Roma tra inquirenti egiziani e italiani, il discorso tenuto in Parlamento dal Ministro degli Esteri Paolo Gentiloni. Un discorso che pare rinnovare la forte volontà, da parte italiana, di trovare la verità nascosta dietro i depistaggi egiziani sul caso Regeni. «L’Italia,» ha dichiarato «è pronta ad assumere misure immediate, se non ci sarà un cambio di marcia.» Già, perché ad oggi, la millantata collaborazione che Al Sisi non smette di decantare in ogni dichiarazione… Read more

Truth: Mary Mapes, la voce del giornalismo al cinema
8 aprile 2016 – 10:01 | Nessun commento
Truth: Mary Mapes, la voce del giornalismo al cinema

L’8 settembre 2004, quasi due mesi prima dalle elezioni presidenziali americane, il celebre programma televisivo statunitense 60 Minutes, trasmesso dalla CBS, mostrava in diretta quattro dei sei documenti testimoni del coinvolgimento dell’allora Presidente in carica George W. Bush nell’Air National Guard durante il 1972-73. I Killian, così soprannominati i documenti in causa, raccoglievano severe critiche da parte del tenente colonnello Jerry B. Killian nei confronti del comportamento del Presidente Bush all’interno dell’Air Guard durante… Read more

Belli senz’alcool: un bar contro le dipendenze
6 aprile 2016 – 20:35 | Nessun commento
Belli senz’alcool: un bar contro le dipendenze

Andare al bar per uscire dal circolo vizioso dell’alcolismo; sembra un paradosso, eppure una piccola realtà nella città inglese di Nottingham è riuscita a coniugare con successo questi due concetti contrapposti. Si tratta del Sobar Cafè (gioco di parole tra sober, “sobrio”, e “bar”), un colorato locale nel centro città, nato dall’iniziativa dell’organizzazione benefica Double Impact che, ormai da decenni, si occupa dei servizi di riabilitazione per alcolisti e tossicodipendenti nel Nottinghamshire. Questi comprendono… Read more

Trivelle sì, Trivelle no: il referendum abrogativo del 17 aprile
4 aprile 2016 – 11:56 | Nessun commento
Trivelle sì, Trivelle no: il referendum abrogativo del 17 aprile

Il referendum sulle trivelle è alle porte. Tra meno di un mese gli italiani potranno decidere di andare a votare per abrogare parte di una legge che rinnova alcune delle concessioni per l’estrazione di gas e petrolio entro le 12 miglia marittime, fino all’esaurimento dei giacimenti. Ma facciamo un passo indietro. Prima di spiegare nel dettaglio il quesito referendario, vorrei soffermarmi per alcune precisazioni sull’istituto del referendum. Innanzi tutto il referendum del 17 aprile è abrogativo, come previsto dall’articolo 75 della… Read more

Europa e migranti: politiche a confronto
30 marzo 2016 – 20:28 | Nessun commento
Europa e migranti: politiche a confronto

“Un giorno guarderemo con rammarico a questa opportunità mancata di agire con solidarietà e comune umanità.” Filippo Grandi Il tentativo di queste righe sarà quello di spiegare, in modo chiaro e coinciso, quale sia la politica Europea sulla questione dell’immigrazione; dimostrando quanto questo sia un banco di prova dove l’Europa sta fallendo e dando prova della sua grande fragilità endemica, dato che ogni paese ha reagito con una propria legislazione, nella più completa assenza di coordinamento e di una politica comune. Questo… Read more

Tesoro, mi si è ristretto il quotidiano: i velocisti della lettura
24 marzo 2016 – 11:48 | Nessun commento
Tesoro, mi si è ristretto il quotidiano: i velocisti della lettura

Ha solo poche settimane di vita, il nuovo quotidiano proposto dalla casa editrice britannica Trinity Mirrors, la stessa del rotocalco nazionale Daily Mirror. Già il nome della testata promette una ventata di aria fresca, di novità, idealmente da leggersi con un bel bicchiere di spremuta fresca, per pareggiare cromaticamente il turchese acceso in prima pagina: questo è il New Day. Cosa rende tanto speciale questa neonata tiratura? Sicuramente il prezzo di lancio competitivo (appena 20 pence), che lo rende attraente agli occhi di chi non… Read more

In 350mila in piazza per ricordare le vittime di mafia
22 marzo 2016 – 11:45 | Nessun commento
In 350mila in piazza per ricordare le vittime di mafia

L’arrivo della primavera è per molti un simbolo di rinascita. Si esce dal letargo invernale e si sboccia, rifiorendo nell’anima e nel corpo. L’aria è fresca e profumata, i colori sono più accesi e lo spirito ne è appagato. Non è un caso che, ventuno anni fa, l’associazione Libera Contro le Mafie abbia scelto proprio questa giornata per istituire La Giornata per la Memoria delle Vittime delle Mafie. E’ un simbolo che serve a ricordare l’esigenza di una rinascita, di una fioritura di una società attenta, cosciente e memore…. Read more

The Danish Girl: l’insostenibile evidenza dell’essere
15 marzo 2016 – 11:41 | Nessun commento
The Danish Girl: l’insostenibile evidenza dell’essere

Ultima creazione del regista de Il Discorso del Re e I miserabili, The Danish Girl è arrivato nelle sale italiane il 18 febbraio 2016. Pensato e creato per la grande distribuzione, con il suo carico di nomination, con i suoi attori da Oscar, il film di Tom Hooper non si risparmia nell’indagine delicatissima ed evanescente di un dramma quanto mai scomodo e complesso, quanto mai fisico, quanto mai carnale. La storia è quella di Einar Weger (Eddie Redmayne), paesaggista danese di inizio ‘900, uno dei primi transessuali al mondo ad essersi… Read more

Til it happens to you: la voce delle donne agli Oscar 2016
11 marzo 2016 – 11:14 | Nessun commento
Til it happens to you: la voce delle donne agli Oscar 2016

Domenica 28 Febbraio, al Dolby Theatre di Los Angeles, sono stati celebrati gli 88esimi Academy Awards, comunemente conosciuti come Premi Oscar, il più famoso riconoscimento cinematografico americano. La serata si è conclusa con poche sorprese per quanto riguarda le assegnazioni dell’ambito Premio ( i vincitori più chiacchierati della cerimonia sono stati, senza alcun dubbio il “redidivo” Leonardo Di Caprio e il maestro Ennio Morricone). Secondo il parere generale, questa edizione non verrà ricordata tra le più belle e originali della… Read more

Festa della donna: le zone d’ombra della nostra società
9 marzo 2016 – 18:28 | Nessun commento
Festa della donna: le zone d’ombra della nostra società

L’8 marzo è una di quelle giornate, come San Valentino o il 27 Gennaio, in cui le banalità si sprecano. Il web, ovvero il bar sotto casa versione 2.0, si inonda di ridondanti prese di posizione, solitamente divisibili in due categorie: gli entusiasti e i super cinici. I primi si impegnano sin dalle prime ore del mattino a cercare su Google una citazione di grande ispirazione, la quale diventa, per 24 ore, il loro motto di vita. I secondi sono i teoretici del complotto, i critici del consumismo, i miscredenti del sentimento che scherniscono… Read more

Gran Bretagna: i diritti delle “Skype Families” alla Corte Suprema
7 marzo 2016 – 11:33 | Nessun commento
Gran Bretagna: i diritti delle “Skype Families” alla Corte Suprema

Regno Unito: è tempo di acceso dibattito attorno alla possibile fuoriuscita del paese dall’Unione Europea e delle eventuali ripercussioni che una decisione tanto drastica potrebbe avere sulle economie inglese ed europea. Inscritto nel processo decisionale vi è però un punto cardine imprescindibile, posto sotto i riflettori negli ultimi anni: la questione dei migranti. Nel paese il dipartimento per l’immigrazione è celebre per la sua rigorosità circa la concessione di visti agli stranieri ed il suo Primo Ministro David Cameron si è… Read more

Italia e diritti civili: l’autodeterminazione negata
3 marzo 2016 – 12:08 | Nessun commento
Italia e diritti civili: l’autodeterminazione negata

Secondo la definizione, i diritti civili sono tutte le libertà garantite da uno Stato ai suoi cittadini. Questi vanno a braccetto con un altro gruppo di diritti, ben più ampio: i diritti umani. Secondo la teoria politico-filosofica questi ultimi non hanno confini, né possono dunque subire limitazioni, e vanno tutelati al di sopra di ogni discrezione. Tra le varie categorie che sono racchiuse in questo grande gruppo, una su tutte risulta in Italia, costantemente ignorata e inficiata dalle ingerenze di una certa cultura, la quale, alla… Read more

Adolfo Wildt: l’ultimo dei simbolisti
29 febbraio 2016 – 10:43 | Nessun commento
Adolfo Wildt: l’ultimo dei simbolisti

La cornice neoclassica di Villa Reale a Milano si apre nuovamente a uno dei grandi nomi della scultura otto-novecentesca. La mostra, visitabile fino al 28 febbraio, si incentra sulla figura di Adolfo Wildt. Di lontana ascendenza svizzera, ma milanesissimo di famiglia, lo scultore è fin dagli esordi una figura atipica. A differenza dei contemporanei artisti da Accademia si forma nella bottega di Grandi, acquisendo un’eccezionale capacità tecnica. Il marmo, terra d’elezione, esce dalle sue mani levigato e splendido come una statua di Canova,… Read more

Il limite invalicabile del progresso tecnologico
26 febbraio 2016 – 11:39 | Nessun commento
Il limite invalicabile del progresso tecnologico

Nelle ultime 48 ore ci siamo resi conto di quanto la nostra realtà sia cambiata e di come potremmo vivere in un futuro incredibilmente prossimo. La prima è uno scatto rubato alla conferenza tenuta da Mark Zuckerberg al Mobile World Congress di Barcellona, in cui si vede il creatore di Facebook avanzare in una platea di giornalisti completamente ignari della sua presenza perché immersi nella “realtà virtuale” regalata dagli Oculus Rift. La seconda è un video rilasciato dalla Boston Dynamics, divisione robotica di Alphabet (Google): il… Read more