Legalizzazione, l’esempio del Portogallo
20 gennaio 2017 – 17:57 | Nessun commento

Se il termine “legalizzare” significa regolamentare, controllare e vigilare, allora, sono pienamente d’accordo sulla legalizzazione delle droghe leggere. Ad onor del vero, sono stato e sono tuttora favorevole ad un’azione volta a rendere legale, sotto il controllo diretto dello Stato, la vendita e la coltivazione della cannabis e dei suoi derivati per scopi terapeutici. Il concetto di legalizzazione che intendo io, implica una “libertà condizionata” nella produzione e nella vendita delle sostanze leggere e non di certo la nascita… Read more

Leggi l'articolo completo »
Società

immersione esistenziale del tessuto del sociale

Politica

Dagli alti ideali ai bui sottoscala del Parlamento. Spaccato sulla sfera Politica di una Italia in declino

Scuola e Università

Vita tra le mura d’Ateneo: l’orizzonte universitario

Cultura

Arte, Musica, Letteratura. Dalle Humanae Litterae, il pane dell’Anima

Informazione

Dalla televisione alla carta stampata. Le mille sfumature del giornalismo.

The Danish Girl: l’insostenibile evidenza dell’essere
15 marzo 2016 – 11:41 | Nessun commento
The Danish Girl: l’insostenibile evidenza dell’essere

Ultima creazione del regista de Il Discorso del Re e I miserabili, The Danish Girl è arrivato nelle sale italiane il 18 febbraio 2016. Pensato e creato per la grande distribuzione, con il suo carico di nomination, con i suoi attori da Oscar, il film di Tom Hooper non si risparmia nell’indagine delicatissima ed evanescente di un dramma quanto mai scomodo e complesso, quanto mai fisico, quanto mai carnale. La storia è quella di Einar Weger (Eddie Redmayne), paesaggista danese di inizio ‘900, uno dei primi transessuali al mondo ad essersi… Read more

Til it happens to you: la voce delle donne agli Oscar 2016
11 marzo 2016 – 11:14 | Nessun commento
Til it happens to you: la voce delle donne agli Oscar 2016

Domenica 28 Febbraio, al Dolby Theatre di Los Angeles, sono stati celebrati gli 88esimi Academy Awards, comunemente conosciuti come Premi Oscar, il più famoso riconoscimento cinematografico americano. La serata si è conclusa con poche sorprese per quanto riguarda le assegnazioni dell’ambito Premio ( i vincitori più chiacchierati della cerimonia sono stati, senza alcun dubbio il “redidivo” Leonardo Di Caprio e il maestro Ennio Morricone). Secondo il parere generale, questa edizione non verrà ricordata tra le più belle e originali della… Read more

Festa della donna: le zone d’ombra della nostra società
9 marzo 2016 – 18:28 | Nessun commento
Festa della donna: le zone d’ombra della nostra società

L’8 marzo è una di quelle giornate, come San Valentino o il 27 Gennaio, in cui le banalità si sprecano. Il web, ovvero il bar sotto casa versione 2.0, si inonda di ridondanti prese di posizione, solitamente divisibili in due categorie: gli entusiasti e i super cinici. I primi si impegnano sin dalle prime ore del mattino a cercare su Google una citazione di grande ispirazione, la quale diventa, per 24 ore, il loro motto di vita. I secondi sono i teoretici del complotto, i critici del consumismo, i miscredenti del sentimento che scherniscono… Read more

Gran Bretagna: i diritti delle “Skype Families” alla Corte Suprema
7 marzo 2016 – 11:33 | Nessun commento
Gran Bretagna: i diritti delle “Skype Families” alla Corte Suprema

Regno Unito: è tempo di acceso dibattito attorno alla possibile fuoriuscita del paese dall’Unione Europea e delle eventuali ripercussioni che una decisione tanto drastica potrebbe avere sulle economie inglese ed europea. Inscritto nel processo decisionale vi è però un punto cardine imprescindibile, posto sotto i riflettori negli ultimi anni: la questione dei migranti. Nel paese il dipartimento per l’immigrazione è celebre per la sua rigorosità circa la concessione di visti agli stranieri ed il suo Primo Ministro David Cameron si è… Read more

Italia e diritti civili: l’autodeterminazione negata
3 marzo 2016 – 12:08 | Nessun commento
Italia e diritti civili: l’autodeterminazione negata

Secondo la definizione, i diritti civili sono tutte le libertà garantite da uno Stato ai suoi cittadini. Questi vanno a braccetto con un altro gruppo di diritti, ben più ampio: i diritti umani. Secondo la teoria politico-filosofica questi ultimi non hanno confini, né possono dunque subire limitazioni, e vanno tutelati al di sopra di ogni discrezione. Tra le varie categorie che sono racchiuse in questo grande gruppo, una su tutte risulta in Italia, costantemente ignorata e inficiata dalle ingerenze di una certa cultura, la quale, alla… Read more

Adolfo Wildt: l’ultimo dei simbolisti
29 febbraio 2016 – 10:43 | Nessun commento
Adolfo Wildt: l’ultimo dei simbolisti

La cornice neoclassica di Villa Reale a Milano si apre nuovamente a uno dei grandi nomi della scultura otto-novecentesca. La mostra, visitabile fino al 28 febbraio, si incentra sulla figura di Adolfo Wildt. Di lontana ascendenza svizzera, ma milanesissimo di famiglia, lo scultore è fin dagli esordi una figura atipica. A differenza dei contemporanei artisti da Accademia si forma nella bottega di Grandi, acquisendo un’eccezionale capacità tecnica. Il marmo, terra d’elezione, esce dalle sue mani levigato e splendido come una statua di Canova,… Read more

Il limite invalicabile del progresso tecnologico
26 febbraio 2016 – 11:39 | Nessun commento
Il limite invalicabile del progresso tecnologico

Nelle ultime 48 ore ci siamo resi conto di quanto la nostra realtà sia cambiata e di come potremmo vivere in un futuro incredibilmente prossimo. La prima è uno scatto rubato alla conferenza tenuta da Mark Zuckerberg al Mobile World Congress di Barcellona, in cui si vede il creatore di Facebook avanzare in una platea di giornalisti completamente ignari della sua presenza perché immersi nella “realtà virtuale” regalata dagli Oculus Rift. La seconda è un video rilasciato dalla Boston Dynamics, divisione robotica di Alphabet (Google): il… Read more

Da Raffaello a Schiele: Milano come Budapest nel segno della bellezza
23 febbraio 2016 – 12:16 | Nessun commento
Da Raffaello a Schiele: Milano come Budapest nel segno della bellezza

Conclusa da pochissimo, la mostra “Da Raffaello a Schiele” si inserisce nella linea espositiva di Palazzo Reale che cerca di avvicinare il grande pubblico alle più prestigiose collezioni europee (troppo) spesso sconosciute o poco accessibili. In una cornice milanese che difficilmente delude si rincorrono quindi 76 opere provenienti dal Museo delle Belle Arti di Budapest, la cui esposizione e descrizione è stata affidata allo storico dell’arte Stefano Zuffi. Ed è emozionante il fluire ininterrotto di capolavori che accompagna il visitatore… Read more

Un posto sicuro: la tragedia Eternit la cinema
19 febbraio 2016 – 19:35 | Nessun commento
Un posto sicuro: la tragedia Eternit la cinema

Purtroppo non esiste, e forse mai esisterà, una politica giusta e rispettosa che dia uguale valore a tutte le pellicole cinematografiche. Molte, troppe, rischiano di passare totalmente inosservate quando invece dovrebbero essere viste e apprezzate da tutti, appassionati di cinema e non. Esistono film che si impongono il compito di colpire lo spettatore in modo tale da farlo riflettere su tutto ciò che lo circonda, da svegliarlo, in un certo senso, su argomenti che spesso vengono volutamente velati da chi avrebbe invece il potere di… Read more

Il caso dei ragazzi intossicati durante uno Scambio Europeo: la parola alle vittime
15 febbraio 2016 – 11:28 | Nessun commento
Il caso dei ragazzi intossicati durante uno Scambio Europeo: la parola alle vittime

Una quasi-tragedia, si sa, non suscita nei media lo stesso interesse di una compiuta. Tuttavia, alle volte ci sono storie che valgono la pena di essere trasmesse anche se non arriveranno a tutti, anche se non interesseranno tutti. Questa è la storia di una quasi tragedia, vissuta sulla pelle di ventitré ragazzi, di cui sette nostri compatrioti, partiti per uno Scambio Europeo promosso dall’Associazione Together Luxemburg a Vagney (Francia), in programma dal 20 al 28 gennaio scorsi. Lo scopo della settimana formativa, ci racconta D., una… Read more

Perché una certa retorica è causa del declino intellettuale: la piaga del maschilismo
4 febbraio 2016 – 19:37 | Nessun commento
Perché una certa retorica è causa del declino intellettuale: la piaga del maschilismo

No, non vi state sbagliando. Se questo titolo vi ricorda qualcosa, è perché probabilmente l’avrete già letto da qualche parte. Infatti, è liberamente ispirato a un pezzo di altissimo giornalismo, pubblicato recentemente su Il Foglio. Trattasi di un capolavoro ad opera di Camillo Langone, autore di altri pezzi brillanti come «La legge sulle unioni civili è un incitamento all’omosessualità» e «L’invasione orientale dell’Italia comincia dai menu dei nostri ristoranti». Ebbene, in questo caso il giornalista, in meno di duecento… Read more

Abwâb, giornalismo per i rifugiati
28 gennaio 2016 – 17:06 | Nessun commento
Abwâb, giornalismo per i rifugiati

Dopo l’inferno della guerra e l’esodo per mare o per terra, i profughi arrivano stremati in un luogo sconosciuto e incontrando mille difficoltà. Tra queste troviamo indubbiamente la lingua, ostacolo che pare insormontabile, soprattutto in riferimento a tutta quell’abbondante fascia della popolazione, in maggioranza donne, che non ha mai appreso un idioma straniero, a maggior ragione europeo. Queste persone, si ritrovano in un confusionario limbo, scombussolati dalle circostanze. Questa situazione diventa tanto più caotica quando il confronto… Read more

Infelicità giovanile, tra Stati Uniti e Italia
22 gennaio 2016 – 20:26 | Nessun commento
Infelicità giovanile, tra Stati Uniti e Italia

Ultimamente è stato largamente diffuso un post pubblicato su un blog americano di nome Wait But Why. L’articolo si intitola Why generation Y yuppies are unhappy, e si occupa appunto di svolgere un’analisi delle ragioni sociali che portano i giovani della generazione Y ad essere, di base, generalmente infelici. Le osservazioni che compie sono condivisibili, tuttavia culturalmente caratterizzate, ovvero derivate dallo studio della società e della storia recente americana, molto diversa dalla nostra. Dunque, per applicarle ai giovani… Read more

La doppia sfida del giornalismo italiano
18 gennaio 2016 – 09:55 | Nessun commento
La doppia sfida del giornalismo italiano

Fare il giornalista in Italia non è stato sempre facile. Quantomeno, non lo è stato per chi metteva al primo posto integrità e onestà intellettuale. Il giornalismo nel nostro Paese ha superato diversi momenti difficili, dalle veline dell’era fascista alle veline del Berlusconismo, passando attraverso gli oscuri anni della Democrazia Cristiana. Ne è un esempio la piccola emittente televisiva di Partinico, Telejato, e del suo fondatore Pino Maniaci, il quale continua a subire minacce e intimidazioni a causa dei contenuti diffusi…. Read more