Legalizzazione, l’esempio del Portogallo
20 gennaio 2017 – 17:57 | Nessun commento

Se il termine “legalizzare” significa regolamentare, controllare e vigilare, allora, sono pienamente d’accordo sulla legalizzazione delle droghe leggere. Ad onor del vero, sono stato e sono tuttora favorevole ad un’azione volta a rendere legale, sotto il controllo diretto dello Stato, la vendita e la coltivazione della cannabis e dei suoi derivati per scopi terapeutici. Il concetto di legalizzazione che intendo io, implica una “libertà condizionata” nella produzione e nella vendita delle sostanze leggere e non di certo la nascita… Read more

Leggi l'articolo completo »
Società

immersione esistenziale del tessuto del sociale

Politica

Dagli alti ideali ai bui sottoscala del Parlamento. Spaccato sulla sfera Politica di una Italia in declino

Scuola e Università

Vita tra le mura d’Ateneo: l’orizzonte universitario

Cultura

Arte, Musica, Letteratura. Dalle Humanae Litterae, il pane dell’Anima

Informazione

Dalla televisione alla carta stampata. Le mille sfumature del giornalismo.

Home » Cultura

FAR – l’indagine danzata di Wayne McGregor

Scritto da – 1 luglio 2016 – 09:00Nessun commento

Dance-thumb“Se questa sua [dell’uomo] composizione ti pare di maraviglioso artifizio, pensa questa essere nulla rispetto all’anima che in tale architettura abita e, veramente, quale essa si sia, ella è cosa divina sicché lasciala abitare nella sua opera a suo beneplacito” – sosteneva Leonardo Da Vinci, che alla ricerca dell’anima scandagliò ben più di un corpo, e ne sezionò gli organi per scovarvi uno spirito o un’entità, una materia indefinita che desse ragione all’uomo della propria sofferta diversità.
L’esplorazione del corpo alla ricerca dell’anima, la ricerca di un legame fra materia e spirito, di una spiegazione alla complessità insita nella vita umana è da sempre al centro della riflessione di scienziati e filosofi, un interrogativo tanto più necessario e impellente quanto più avanza l‘Età luminosa della Ragione, in cui il corpo smette di essere un involucro vuoto, in cui Dio smette di essere una risposta sicura.
Nel suo Flesh and the Age of Reason ( in italiano L’uomo e l’età della ragione), Roy Porter traccia con una prosa viva e coincisa il percorso del pensiero europeo nel XVIII secolo, fra le sconvolgenti scoperte in campo medico e le domande sul meccanismo del pensiero e delle emozioni. Ma se un’opera come questa, pur nella sua brillante rielaborazione, rimane ancorata alla dimensione scritta, al pensiero, al ragionamento, dalle sue pagine prende le mosse  una delle opere più geniali e precoci del coreografo londinese Wayne Mcgregor. A soli 22 anni, dopo aver fondato la Random Dance Company, Mcgregor modella per essa lo spettacolo FAR, basandosi proprio sul testo di Porter.
Considerato sostanzialmente un enfant prodige, Mcgregor è internazionalmente conosciuto per una tecnica fisicamente impegnativa e creazioni ardite che spaziano dalla danza alla musica, alla tecnologia, alle arti visive.Le sue coreografie riescono a far convivere, nell’intreccio dei corpi sottili ma necessariamente muscolosi dei ballerini, un ritmo di brevi gesti spezzati e un controcanto continuo e fluido, come incurante della loro rigida struttura anatomica.

FAR è una delle primissime creazioni e si nutre di questa ricerca incrociata. Con le musiche elettroniche di Ben Frost e le architetture luminose di Lucy Carter, lo spettacolo si inoltra in un’indagine che prende il corpo insieme a oggetto e mezzo di studio. Immagine danzata di un’autopsia spirituale, per l’immortalità della sua ricerca rimane un’opera sempre attuale e ancora oggi rappresentata ed esportata in tutto il mondo, Italia compresa, dove recentemente ha calcato il palco del teatro Fraschini di Pavia.

Così Mcgregor non cambia la domanda, tutto sommato non cambia nemmeno la problematica risposta. La sua ricerca sceglie una strada fisica, fisicissima. La tecnica è procedere per destrutturazione e ricomposizione. La danza non lascia scampo, non risparmia combinazione di corpi e di gesti, non elimina dall’orrizzonte del possibile nemmeno il gesto sgraziato, quello più comune.In un alternarsi implacabile di singoli e gruppi e coppie, tutto il danzabile, tutto il vivibile scorre davanti agli occhi dello spettatore, che non può che diventare osservatore, scienziato involontario, indagatore di una vera e propria enciclopedia che si dispiega davanti ai suoi occhi, sullo sfondo scabro dei vestiti ridotti al minimo e del gioco di ombre creato dalla scenografia. Lo spettatore che si trova a uscire da teatro – alla fine dei conti-  senza una vera risposta, senza una vera vera certezza. Rimane, però, la sensazione di aver appena assistito al proprio smembramento, alla propria metodica decostruzione. Così che, se la dialettica fra corpo e anima resta un nodo insoluto, quello che la Wayne McGregor Company sa lasciare è una consapevolezza nuova, un nuovo sentire e sentirsi. Sentirsi nella complessità delle parti e del tutto, della continua interazione fra quei muscoli, quelle vene e l’emozione che nasce spontaneamente dal vedere ballare qualcuno. Sentirsi come un essere che semplicemente, a dispetto di tutta quanta l’erudizione, non può essere riassunto nelle

Forse potrebbe interessarti:

  • No Related Posts

Facebook comments:

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto, oppure esegui un trackback dal tuo sito. Puoi anche iscriverti a questi commenti via RSS.

Sii gentile, rimani in argomento. Lo spam non sarà tollerato.

È possibile utilizzare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito web supporta i Gravatar. Per ottenere il proprio globally-recognized-avatar, registra un account presso Gravatar.