Legalizzazione, l’esempio del Portogallo
20 gennaio 2017 – 17:57 | Nessun commento

Se il termine “legalizzare” significa regolamentare, controllare e vigilare, allora, sono pienamente d’accordo sulla legalizzazione delle droghe leggere. Ad onor del vero, sono stato e sono tuttora favorevole ad un’azione volta a rendere legale, sotto il controllo diretto dello Stato, la vendita e la coltivazione della cannabis e dei suoi derivati per scopi terapeutici. Il concetto di legalizzazione che intendo io, implica una “libertà condizionata” nella produzione e nella vendita delle sostanze leggere e non di certo la nascita… Read more

Leggi l'articolo completo »
Società

immersione esistenziale del tessuto del sociale

Politica

Dagli alti ideali ai bui sottoscala del Parlamento. Spaccato sulla sfera Politica di una Italia in declino

Scuola e Università

Vita tra le mura d’Ateneo: l’orizzonte universitario

Cultura

Arte, Musica, Letteratura. Dalle Humanae Litterae, il pane dell’Anima

Informazione

Dalla televisione alla carta stampata. Le mille sfumature del giornalismo.

Home » Archivio per categoria

Articoli in Cultura

1983. Butterfly, l’indefinibile natura dell’amore
20 luglio 2016 – 08:29 | Nessun commento
1983. Butterfly, l’indefinibile natura dell’amore

In occasione della ventunesima edizione del Festival delle Colline Torinesi, alle Fonderie Teatrali Limone ha fatto il suo debutto 1983. Butterfly, la nuova produzione della Piccola Compagnia della Magnolia che aggiunge un secondo lavoro al progetto teatrale Bio_Grafie, iniziato l’anno passato con lo spettacolo Zelda – Vita e Morte di Zelda Fitzgerald. Una storia di amore, spionaggio e identità, quella raccontata in 1983. Butterfly, che ripercorre la vicenda realmente accaduta di Bernard Boursicot, diplomatico francese che si ritrovò… Read more

FAR – l’indagine danzata di Wayne McGregor
1 luglio 2016 – 09:00 | Nessun commento
FAR – l’indagine danzata di Wayne McGregor

“Se questa sua composizione ti pare di maraviglioso artifizio, pensa questa essere nulla rispetto all’anima che in tale architettura abita e, veramente, quale essa si sia, ella è cosa divina sicché lasciala abitare nella sua opera a suo beneplacito” – sosteneva Leonardo Da Vinci, che alla ricerca dell’anima scandagliò ben più di un corpo, e ne sezionò gli organi per scovarvi uno spirito o un’entità, una materia indefinita che desse ragione all’uomo della propria sofferta diversità. L’esplorazione del corpo alla ricerca dell’anima, la… Read more

Nel Blu dipinto di grigio: la strage dei graffiti a Bologna
18 aprile 2016 – 09:05 | Nessun commento
Nel Blu dipinto di grigio: la strage dei graffiti a Bologna

Il 18 marzo è stata inaugurata a Bologna la mostra Street Art. Banksy & Co. Sottotitolo: “l’arte allo stato urbano”. Un’occasione – come è stata definita – per “avviare una riflessione sulle modalità della salvaguardia, conservazione e musealizzazione di queste esperienze urbane”.Un’occasione – come si è dimostrata – di riflessione e di polemica riguardo a una delle forme di arte che più specificamente appartengono agli ultimi decenni. Il nocciolo della questione è semplice: che i graffiti trovino il loro posto in luoghi scomodi,… Read more

Til it happens to you: la voce delle donne agli Oscar 2016
11 marzo 2016 – 11:14 | Nessun commento
Til it happens to you: la voce delle donne agli Oscar 2016

Domenica 28 Febbraio, al Dolby Theatre di Los Angeles, sono stati celebrati gli 88esimi Academy Awards, comunemente conosciuti come Premi Oscar, il più famoso riconoscimento cinematografico americano. La serata si è conclusa con poche sorprese per quanto riguarda le assegnazioni dell’ambito Premio ( i vincitori più chiacchierati della cerimonia sono stati, senza alcun dubbio il “redidivo” Leonardo Di Caprio e il maestro Ennio Morricone). Secondo il parere generale, questa edizione non verrà ricordata tra le più belle e originali della… Read more

Adolfo Wildt: l’ultimo dei simbolisti
29 febbraio 2016 – 10:43 | Nessun commento
Adolfo Wildt: l’ultimo dei simbolisti

La cornice neoclassica di Villa Reale a Milano si apre nuovamente a uno dei grandi nomi della scultura otto-novecentesca. La mostra, visitabile fino al 28 febbraio, si incentra sulla figura di Adolfo Wildt. Di lontana ascendenza svizzera, ma milanesissimo di famiglia, lo scultore è fin dagli esordi una figura atipica. A differenza dei contemporanei artisti da Accademia si forma nella bottega di Grandi, acquisendo un’eccezionale capacità tecnica. Il marmo, terra d’elezione, esce dalle sue mani levigato e splendido come una statua di Canova,… Read more

Da Raffaello a Schiele: Milano come Budapest nel segno della bellezza
23 febbraio 2016 – 12:16 | Nessun commento
Da Raffaello a Schiele: Milano come Budapest nel segno della bellezza

Conclusa da pochissimo, la mostra “Da Raffaello a Schiele” si inserisce nella linea espositiva di Palazzo Reale che cerca di avvicinare il grande pubblico alle più prestigiose collezioni europee (troppo) spesso sconosciute o poco accessibili. In una cornice milanese che difficilmente delude si rincorrono quindi 76 opere provenienti dal Museo delle Belle Arti di Budapest, la cui esposizione e descrizione è stata affidata allo storico dell’arte Stefano Zuffi. Ed è emozionante il fluire ininterrotto di capolavori che accompagna il visitatore… Read more

Lolita: sessant’anni tra arte e tabù
5 gennaio 2016 – 18:33 | Nessun commento
Lolita: sessant’anni tra arte e tabù

Nel 1955 un’importante casa editrice erotica di Parigi, la Olympia Press, pubblicò per la prima volta Lolita, romanzo in lingua inglese del grande scrittore russo Vladimir Nabokov, in precedenza rifiutato da molte case editrici per la trama troppo esplicita e la tematica molto delicata e scomoda che richiamava la pedofilia e l’incesto. Negli anni successivi, il romanzo scandaloso venne pubblicato in America e in altri Paesi del mondo e divenne presto un bestseller letterario, nonostante i problemi di censura che non lo abbandonarono mai…. Read more

Il peso della Storia: Mein Kampf torna in libreria
4 gennaio 2016 – 16:59 | Nessun commento
Il peso della Storia: Mein Kampf torna in libreria

Novantatré anni fa Hitler tentava di salire al potere con la forza e vedeva miseramente fallire il suo colpo di Stato a Monaco. Novantadue anni fa veniva arrestato e condotto nella prigione di Landsberg am Lech, dove dava forma di trattato alla lucidissima riflessione sulla propria vita e sul proprio credo: Mein Kampf, la mia battaglia. Una delle voci più determinate e potenti del primo Novecento. La mia battaglia, che originariamente avrebbe dovuto prendere il titolo di Quattro anni e mezzo di lotta contro menzogna, stupidità e… Read more

Gustav Klimt: un requiem dorato
17 dicembre 2015 – 18:14 | Nessun commento
Gustav Klimt: un requiem dorato

Si chiama “Jahrhundertwende”, la “svolta del secolo”, quel breve giro di anni a cavallo fra XIX e XX secolo che, nel cuore dell’Europa, crea, o meglio, distrugge le colonne portanti di un Mondo di Ieri irrimediabilmente sfaldato. La rovina di uno splendido palazzo dorato che ancora a lungo rimarrà nell’immaginario come termine ideale di paragone, che ancora a lungo cercherà di non farsi sommergere aggrappandosi alle forme taglienti e ornamentali dell’Art Noveau. Iconizzato e celebrato negli anni a venire, fino nel… Read more

ISLAM, un confine va tracciato. Ma dove?
26 novembre 2015 – 17:58 | Nessun commento
ISLAM, un confine va tracciato. Ma dove?

Come sempre capita, nell’era dell’informazione, grandi tragedie scatenano grandi dibattiti. Centinaia di migliaia di parole vengono scritte, dette, urlate, twittate, sussurrate. Troppo poco spesso, tuttavia, esse vengono soppesate e centellinate, riflesse e pensate, come l’intelletto e il rispetto richiederebbero. E così si crea quel brusio, il chiacchiericcio di fondo che crea sulle cose uno strato superficiale, una patina che impedisce di analizzarle a fondo. Penso risulti chiaro a chiunque legga che ci si riferisce ai tragici eventi… Read more

La spietatezza della Natura: Annientamento
24 novembre 2015 – 17:50 | Nessun commento
La spietatezza della Natura: Annientamento

Il panorama fantascientifico internazionale dà il benvenuto ad un nuovo fenomeno letterario che porta la firma di Jeff VanderMeer, autore statunitense quasi del tutto sconosciuto in Italia fino a quest’anno, quando Einaudi ha finalmente deciso di tradurre e pubblicare il primo romanzo della sua già annunciata Trilogia dell’Area X (Southern Reach Trilogy), Annientamento, che ha già conquistato gli appassionati di fantascienza e non passa inosservato nemmeno tra lettori di tutt’altro genere, grazie a una scrittura intelligente e alla trama… Read more

Bevendo un tè con i morti: la luminosa danza macabra di Candiani
13 novembre 2015 – 19:30 | Nessun commento
Bevendo un tè con i morti: la luminosa danza macabra di Candiani

Lievi le mani della poesia Intorno alla morte Lievi. E la poesia di Candiani è tutta una questione di leggerezza, nei suoi versi brevi o brevissimi, lasciati a fluttuare al centro della pagina bianca. Leggera nella spensieratezza con cui avvicina la presenza della morte. E ci si approccia, con la delicatezza di un bambino, senza tristezza, senza rimpianti, perché ai suoi occhi non c’è nessuna fine, nessun buco nero, nessun tabù inaccessibile e tremendo.  La morte per Candiani è piuttosto una porta spalancata, o una finestra, da… Read more

L’Adalgisa: il dissacrante Olimpo milanese di Gadda
4 novembre 2015 – 18:05 | Nessun commento
L’Adalgisa: il dissacrante Olimpo milanese di Gadda

Pubblicato per la prima volta nel 1944 presso Le Monnier, L’Adalgisa subisce la sorte di buona parte della produzione gaddiana: rimaneggiata, rivista, ripubblicata, modificata nel numero e nel contenuto dei racconti (che in alcuni casi sono arrivati persino a essere opere autonome). Ma da scritti abbarbicati nella loro intimità come La Cognizione del Dolore o al contrario esondanti come Quer Pasticciaccio, la raccolta di “disegni milanesi” si distacca profondamente. Non tanto per la lingua, sempre altalenante fra le vette e gli abissi… Read more

La strage degli innocenti: Grass, Böll e la parte sbagliata della barricata
29 ottobre 2015 – 18:14 | Nessun commento
La strage degli innocenti: Grass, Böll e la parte sbagliata della barricata

Polonia, 1959. Oskar Matzerath, nano trentenne rinchiuso in un ospedale psichiatrico, ripercorre la propria vita a ritmo dell’inseparabile tamburo di latta, cominciando dal mirabolante concepimento della madre sotto le odorose gonne della nonna casciuba.Germania, 1962. Hans Schnier, rampollo di una famiglia milionaria abbandonata anni prima per dedicarsi alla recitazione, torna al suo hotel dopo l’ennesima esibizione fallimentare. Un incidente al ginocchio e la depressione incipiente hanno ormai stroncato la sua carriera, ma preferirà… Read more