Legalizzazione, l’esempio del Portogallo
20 gennaio 2017 – 17:57 | Nessun commento

Se il termine “legalizzare” significa regolamentare, controllare e vigilare, allora, sono pienamente d’accordo sulla legalizzazione delle droghe leggere. Ad onor del vero, sono stato e sono tuttora favorevole ad un’azione volta a rendere legale, sotto il controllo diretto dello Stato, la vendita e la coltivazione della cannabis e dei suoi derivati per scopi terapeutici. Il concetto di legalizzazione che intendo io, implica una “libertà condizionata” nella produzione e nella vendita delle sostanze leggere e non di certo la nascita… Read more

Leggi l'articolo completo »
Società

immersione esistenziale del tessuto del sociale

Politica

Dagli alti ideali ai bui sottoscala del Parlamento. Spaccato sulla sfera Politica di una Italia in declino

Scuola e Università

Vita tra le mura d’Ateneo: l’orizzonte universitario

Cultura

Arte, Musica, Letteratura. Dalle Humanae Litterae, il pane dell’Anima

Informazione

Dalla televisione alla carta stampata. Le mille sfumature del giornalismo.

Home » Humanae Litterae

Letteratura a un quinto di banconota : la nuova collana Live di Newton Compton Editori a 0,99

Scritto da – 5 luglio 2013 – 17:16Un commento

In tempi in cui a un libro si preferisce il film, in cui le biblioteche sono frequentate per studiare con gli amici e i romanzi si acquistano sempre meno volentieri, Newton Compton Editori rilancia quello che vent’anni fa era stato un gran successo: i Centopaginemillelire, oggi a 0,99. Si tratta della collana low cost “Live”, che prende appunto ispirazione da quella del ’92, che a sua volta era stata iniziata in seguito al successo ottenuto dai Millelire di Stampa Alternativa, che dal 1989 avevano venduto 20 milioni di copie. Si tratta di libri di 130 pagine, titoli più o meno conosciuti tra cui ci sono grandi classici, romanzi contemporanei di autori stranieri e inediti di autori italiani molto popolari. Tra i classici Kafka con Le metamorfosi, Il libro del Tao, Woolf con Una stanza tutta per sé, I dolori del giovane Werther, Sherlock Holmes, Uno nessuno e centomila, l’Amleto, i Racconti del terrore di Poe, Il grande Gatsby e Notti bianche di Dostoevskij. C’è poi Massimo Lugli per gli italiani e Il Diario del vampiro tra gli stranieri. Niente male, no?

Per quanto mi riguarda, io me ne sono accorta per caso un sabato pomeriggio che ero all’Esselunga. Come al solito gironzolavo al reparto libri (nei supermercati c’è sempre un po’ di sconto e poi mi piace leggere le trame anche senza pensare di dover per forza comprare qualcosa) e mi è caduto l’occhio su uno scaffale nuovo: Live, libri a 0,99! Per me, che ho nel sangue un po’ di genovesità (perdonatemi il neologismo ma serve a indicare eufemisticamente il mio braccio non proprio lungo) e che adoro immergermi nei libri, questa è la collana ideale. E so che così è per tanti altri, che in tempi di crisi, preferiscono la biblioteca, il prestito da parte di amici, gli e-book. Con questi metodi però, che sì, sono economici, non ti rimane nulla in mano. Se sei abituato a mettere le orecchiette alle pagine che ti piacciono di più, non puoi mica farlo. Se sottolinei, uguale. Dunque siamo già a quota due pro: costo, e ti rimane in mano. Al terzo posto ci metterei i titoli.

Mi spiego meglio: sempre quel pomeriggio di avanscoperta, ho dato un’occhiata ai nomi degli autori e tra questi ho trovato Dostoevskij, Freud e Fitzgerald. Allora ho pensato, perché non provare? (In realtà Freud poi non l’ho preso perché leggere anche solo qualche paragrafo del Sogno al liceo mi aveva messo gli incubi). A casa avevo già L’idiota, ma dato lo spessore non me la sentivo molto di iniziare con un volume del genere, e poi non solo il formato ridotto mi metteva speranza, ma anche il fatto che se anche non l’avessi finito non mi sarei dovuta sentire in colpa perché avevo speso 20 euro per niente. Tutto questo, tra l’altro, succedeva a Marzo, prima che sapessi che Il grande Gatsby sarebbe uscito al cinema, e infatti poi sono andata preparata quanto un critico in vena di critiche per l’appunto a vedere il film. Comunque, ecco il quarto pro: letteratura in 130 pagine senza sensi di colpa. Quando mi aggiro in libreria, spesso c’è qualche titolo classico che mi attira, ma penso: sì, però, 12 euro… Metti che non mi piace? E invece con una monetina posso comprarmi un titolo altrettanto promettente a così poco!

In generale comunque Newton Compton non è nuova alle offerte editoriali: a parte la già citata Centopaginemillelire degli anni ’90, c’è la collana di Rosa Anagramma, che tra l’altro si trova con titoli diversi anche di altre case editrici. Libri rosa a 9,90 o anche a 5,90. Da far concorrenza agli Harmony, che per prezzi sono avanti anni luce in realtà. Per curiosità sono andata sul sito della collana HM (Harmony Mondadori), e ho scoperto che con il modico prezzo di 9,30 euro si possono comprare ben 6 romanzi! Certo, stiamo parlando della cosiddetta Paraletteratura, che però sempre lettura è. Sfusi i romanzi costano dai 3 ai 6 euro e si trovano anche nelle edicole e nei supermercati. Più accessibili di così non si può.

Anche Chiarelettere, Minimum Fax e di nuovo Mondadori e altre case hanno lanciato nuove collane low cost, di fronte a un calo così importante delle vendite (circa il 10%); ma le loro offerte non sono allettanti quanto quelle di Live, poiché quest’ultima offre grandi titoli a un decimo del prezzo da loro fissato e pubblica molti più titoli durante l’anno (siamo già a più di venti titoli da Marzo), quando queste collane pubblicano una decina di titoli in dodici mesi.

Giuro che Newton Compton non mi ha pagata per farle pubblicità, è solo che penso che sia sorprendente potersi comprare un buon libro a così poco. È una buona strategia, invoglia chiunque a pensare di poter leggere un classico o un romanzo famoso, ed è una piccola gioia a poco. Costa meno che comprarsi una Corona e ti dà la stessa soddisfazione del famoso Primo sorso di birra, se non di più. E in tempi in cui non si esce neanche più per bere qualcosa con gli amici, non dover rinunciare del tutto al piacere di qualche riga la sera prima di andare a letto, è proprio una bella notizia.

Forse potrebbe interessarti:

  • No Related Posts

Facebook comments:

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto, oppure esegui un trackback dal tuo sito. Puoi anche iscriverti a questi commenti via RSS.

Sii gentile, rimani in argomento. Lo spam non sarà tollerato.

È possibile utilizzare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito web supporta i Gravatar. Per ottenere il proprio globally-recognized-avatar, registra un account presso Gravatar.