Legalizzazione, l’esempio del Portogallo
20 gennaio 2017 – 17:57 | Nessun commento

Se il termine “legalizzare” significa regolamentare, controllare e vigilare, allora, sono pienamente d’accordo sulla legalizzazione delle droghe leggere. Ad onor del vero, sono stato e sono tuttora favorevole ad un’azione volta a rendere legale, sotto il controllo diretto dello Stato, la vendita e la coltivazione della cannabis e dei suoi derivati per scopi terapeutici. Il concetto di legalizzazione che intendo io, implica una “libertà condizionata” nella produzione e nella vendita delle sostanze leggere e non di certo la nascita… Read more

Leggi l'articolo completo »
Società

immersione esistenziale del tessuto del sociale

Politica

Dagli alti ideali ai bui sottoscala del Parlamento. Spaccato sulla sfera Politica di una Italia in declino

Scuola e Università

Vita tra le mura d’Ateneo: l’orizzonte universitario

Cultura

Arte, Musica, Letteratura. Dalle Humanae Litterae, il pane dell’Anima

Informazione

Dalla televisione alla carta stampata. Le mille sfumature del giornalismo.

Home » Cultura

Roma, chiude lo storico “Cinema Metropolitan”

Scritto da – 8 gennaio 2011 – 06:333 commenti

2010. Si chiude un anno difficile, da cui la cultura esce mortificata, strangolata da una finanziaria che offende e necrotizza dei settori strategici per il futuro del paese. La scure dei tagli si è infatti abbattuta su musei e istituzioni culturali, sulla ricerca e sull’istruzione, imponendo un’attenta riflessione in merito alle risorse, pubbliche e private, da destinare a realtà spesso già penalizzate dalla cinica logica del profitto.
La stessa efferata logica ha fatto sì che lo scorso 29 dicembre si consumasse l’ennesimo triste episodio per il mondo della cultura. Uno dei cinema più antichi della capitale, il “Metropolitan”, ha infatti chiuso i battenti, in anticipo rispetto a quanto annunciato (la chiusura era prevista per il 9 gennaio). “Si informa la gentile clientela che il cinema Metropolitan interrompe la propria attività per finita locazione”: sa di necrologio l’enorme cartello bianco che un macchinista ha affisso fuori dalla sala alle quattro del mattino. Millesima vittima di un anno crudele, macchiatosi già di numerosi delitti.
Proprio quest’anno la storica sala avrebbe festeggiato il suo centenario. Sito all’inizio di via del corso, tra Santa Maria in Montesanto e Santa Maria dei Miracoli, il cinema Metropolitan nacque infatti nel 1911. Proprietà Furlan e Salomoni, ditta di esercenti fiorentini fondata nel 1907, si chiamava inizialmente “Cinema Teatro Americano”. Da subito ospitò la filiale romana della SIGLA (Società Italiana Gustavo Lombardo Anonima), società fondata a Napoli il 3 dicembre 1910, da Gustavo Lombardo; pioniere dell’industria cinematografica italiana, Lombardo si adoperò nel vano tentativo di consorziare le maggiori case di produzione e di distribuzione dell’Italia centro-meridionale. Prima che venisse battezzato, nel marzo 1948, con il nome “Metropolitan”, il “Teatro Cinema Americano” fu poi chiamato “Cinema Gioia”. Costituiva in effetti una gioia per quanti non potevano permettersi il biglietto per un film in prima visione: detto “pidocchietto”, trasmetteva pellicole in seconda e terza visione, regalando a grandi e piccini sogni lunghi poco più di un’ora.
Con la chiusura del “Metropolitan”, Roma perde dunque una sala ricca di storia e di ricordi. Ma non solo. Il celebre cinema era infatti uno dei pochi con programmazione in lingua originale. Frequentato dai turisti e dagli amanti del cinema tout court, grazie alla presenza dei sottotitoli, permetteva inoltre ai non udenti di godere dei piaceri che solo quest’arte sa dispensare. Da mesi ormai si vociferava in merito alla cessazione dell’attività: le mura sono infatti proprietà della Fininvest Immobiliare, che ha venduto la multisala a una società italiana (a Benetton, secondo alcune voci), per circa trenta milioni di euro. Negli ultimi anni, tra piazza del popolo e piazza Venezia ben quattro sale hanno spento i proiettori: l’“Étoile”, prima “Cinema Corso”, in passato proprietà di Roberto Rossellini, il “Majestic”, il “Capranica” e il “Capranichetta”. Questi spazi immensi e monumentali sono riservati ora a congressi parlamentari, mostre, mercati e spettacoli lirici. Se lo spazio del cinema “Metropolitan” venisse liberalizzato, il locale potrebbe ospitare l’ennesima -e superflua- galleria commerciale, immagine di una città e di una (non)cultura non più disposte a tutelare il patrimonio artistico e territoriale che le ha rese grandi.
Naturalmente non sono mancate le proteste: lo scorso 30 dicembre, a poco più di ventiquattr’ore dall’affissione del gelido cartello, un gruppo di cittadini si è dato appuntamento in via del corso, davanti alle porte sbarrate. “Metropolitan per una notte”, questo il nome dell’evento: un piccolo schermo, un proiettore e qualche sedia hanno ricordato la bellezza e la semplicità di un arte sempre più bistrattata di fronte agli interessi di mercato. Per l’occorrenza, è stata scelta una pellicola d’eccellenza: “I soliti ignoti” di Mario Monicelli, altra grande perdita di questo feroce 2010.
Sanno di profezia le parole pronunciate dal grande maestro nell’ormai lontano 1991, in occasione della consegna del Leone d’Oro alla carriera alla Mostra del Cinema di Venezia: “Il cinema non morirà mai, ormai è nato e non può morire: morirà la sala cinematografica, forse, ma di questo non mi frega niente”. Parole certamente provocatorie, ricche di amarezza per un paese ormai smarrito.

Forse potrebbe interessarti:

  • No Related Posts

Facebook comments:

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto, oppure esegui un trackback dal tuo sito. Puoi anche iscriverti a questi commenti via RSS.

Sii gentile, rimani in argomento. Lo spam non sarà tollerato.

È possibile utilizzare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito web supporta i Gravatar. Per ottenere il proprio globally-recognized-avatar, registra un account presso Gravatar.